piccoli paesi

terre, paesaggi, piccoli paesi / il blog dei borghi dell'Appennino

Archivio dell'autore

Marcare, non mancare!!!

leave a comment »

Da Eduardo Alamaro *  via Archiwatch, fresco fresco….

L’EUROPA CHE GUARDA IL MARE …

catel schinkel

L’IRPINIA CHE GUARDA IL MARE …

Nicolangelo Gelormini, ritratto da Fabio Donato per Sistema Irpinia per la Cultura Contemporanea

https://www.youtube.com/watch?v=zT4d7exbauE

AAAttenzione, AAA a sproposito di AAAppennini, di Pen e di Pan … AAAvviso ai naviganti & ai muratorini tutti: domani, giovedì 18 settembre alle ore 19:00 nella sala Re_PUBBLICA MADRE del Museo omonimo di Napoli in Via Settembrini (traversa via Duomo), proiezione e presentazione del documentario “L’Irpinia che guarda il mare”. Non mancate, ingresso libero e liberato. Documentato Ciriaco De Mita, non si sa se come navigato sindaco di Nusco, come artista della politica della prima Repubblica o come altro ed eventuale. Tutto può essere se dall’osso rosicato appenninico si può avvistare la ricca polpa della costa; se dall’alto dell’Irpinia si può guardare il mare spartenopeo e cullarsi nel non dimenticato & sempre caldo “Conto Corrente del Golfo”, fino a Bagnoli e a Nisida. E oltre e altro. Tutto può essere con l’AAAarte scontemporanea e con la fame da lupi, lupetti & lupini irpino-napulitani che c’è in giro. L’antico lupo perde il pelo, ma in compenso a Napoli gli fanno ad arte anche il contropelo …. AAAndare al Madre per credere … AAA chi non sa nuotare all’ingresso del Museo sarà fornito (in prestito) un salvagente per non affogare. AAAAllego e AAAllegro comunicato strampa.”

Besos Eldorado

Schermata 2014-09-17 a 12.49.27

L’Irpinia che guarda il mare

Giovedì 18 settembreore 19:00 Sala Re_PUBBLICA MADRE

Verrà presentato il documentario di Nicolangelo Gelormini L’Irpinia che guarda il mare, inserito nel “Sistema Irpinia per la cultura contemporanea”, un progetto promosso dal Comune di Mirabella Eclano (Avellino) e finanziato dalla Regione Campania, sotto la direzione artistica di Maria Savarese, che ha ricevuto il Matronato della Fondazione Donnaregina per le Arti contemporanee di Napoli e il patrocinio dello IED Istituto Europeo di Design.

Il video di Nicolangelo Gelormini offre un affresco della condizione attuale dell’Irpinia e di una provincia del Sud Italia collocata tra memoria e futuro. Un territorio che guarda alla modernità, mantenendo un contatto con le proprie tradizioni e prendendo le distanze da una pericolosa deriva modernista. È un punto di osservazione atipico e privilegiato, quello dell’Irpinia, da cui scorgere prima e meglio i valori persistenti, ma anche i possibili errori, il potenziale di riscatto di tutto un Paese. Il documentario contiene interventi di diversi artisti coinvolti nel progetto, Luigi Mainolfi, Perino e Vele, Umberto Manzo, Eugenio Giliberti, Lucio e Peppe Perone, e di altre personalità come Andres Neumann, Francesco Saponaro, Piero Mastroberardino, Antonio Pisaniello, Ciriaco De Mita.

nusco

-

(*) EDUARDO ALAMARO E ‘PICCOLI PAESI’  : LINK

-

ETTORE SCOLA all’ABBAZIA DEL GOLETO _ sabato 20 settembre 2014

leave a comment »

Il ciclo di appuntamenti del progetto Irpinia: un sistema fra cultura e memoria si apre con Piacere, Ettore Scola, la prima mostra monografica dedicata a uno dei più grandi registi italiani.

In occasione dell’apertura della mostra Toni Servillo leggerà alcuni brani della sceneggiatura del film “Trevico-Torino – Viaggio nel Fiat-Nam”.

Written by A_ve

15 settembre 2014 at 17:17

Pubblicato su Varie

Forum Ambientale dell’Appennino a Caposele (AV) il 28 settembre

leave a comment »

forum ambientale appennino

Al via i gruppi di lavoro del Forum Ambientale dell’Appennino. Caposele (AV) 28 settembre

Written by A_ve

15 settembre 2014 at 07:15

Pubblicato su Varie

PREMIAZIONE : sabato 13 settembre 2014 presso lo Sweet Art Cafè di Lioni alle ore 19

leave a comment »

natura viva slow foodGrande partecipazione al concorso fotografico organizzato dalla Condotta Slow Food Alta Irpinia

Numerosi e qualificati gli appassionati di fotografia partecipanti alla prima edizione del concorso fotografico “Natura viva – terre, natura e paesaggi d’Irpinia”, si sono registrati ben 25 contributi provenienti da diversi paesi dell’Irpinia. Il concorso fotografico, indetto dalla Condotta Slow Food Alta Irpinia, totalmente gratuito e aperto a tutti, ha visto la partecipazione di fotoamatori che hanno immortalato paesaggi, scene di vita e natura del territorio irpino. L’intento del concorso è stato quello di leggere con occhi nuovi il territorio irpino, grande soddisfazione per il materiale arrivato è stata espressa dalla fiduciaria della Condotta Slow Food Alta Irpinia Luciana Pinto.

La giuria ha completato la valutazione delle fotografie iscritte al concorso, dai lavori sono emerse sei fotografie finaliste, tra le quali saranno individuate e premiate le prime tre con cesti di prodotti dell’orto, la premiazione avverrà sabato 13 settembre 2014 presso lo Sweet Art Cafè di Lioni alle ore 19.00; le riproduzioni su carta delle fotografie partecipanti resteranno in mostra fino al 30 settembre.

I nomi dei sei finalisti sono: Marika Angiouni, Adriano Nicastro, Gerardo Policano, Pino Vitale, Nicola Zarra, e Giuseppe Zicola.

Tutte le fotografie saranno, successivamente alla mostra-premiazione, pubblicate su www.slowfoodaltairpinia.wordpress.com, spazio web ufficiale della Condotta Alta Irpinia e sulla sua pagina Facebook.

Per restare in tema di natura e paesaggio, alle 16,30, in via Sant’Antonio (Lioni) ci sarà la partenza della prima edizione di Corrincampagna, corsa podistica amatoriale di sei chilometri, organizzata dalla Condotta  Alta Irpinia con il patrocinio del Comune di Lioni, la collaborazione della Proloco Lioni, con l’assistenza tecnica della a.s.d. IrpiniaItalia e della a.s.d. Sci Club Lioni. La premiazione della corsa avverrà allo Sweet Art Café di Lioni.

Dopo un pomeriggio di natura, sport e arte, la serata sarà un momento di convivialità per riflettere sulle potenzialità e sulle realtà del nostro territorio.

Written by A_ve

12 settembre 2014 at 16:24

Pubblicato su Varie

L¹Irpinia oltre il petrolio

leave a comment »

20140809 185314

20140809 185314

L’Irpinia oltre il petrolio.

L’Irpinia ai tempi della crisi ha il viso gonfio di un pugile messo all’angolo da un avversario forse troppo più forte e cattivo di quanto si potesse immaginare. Più di altre regioni meridionali, gli impatti della depressione economica hanno devastato realtà produttive, fiaccato gli indotti industriali incidendo su dinamiche economiche già fragili e prive di fondamenta solide e credibili. Nell’incubo di una terra che perde pezzi della sua credibilità ogni giorno, il petrolio irrompe su uno scenario di decrescita come una sorta totem dell’inconcludenza che impone obblighi e forti assunzioni di responsabilità. Il petrolio in Irpinia non è solo il sinonimo dell’attacco al territorio ma è anche, e soprattutto, una misura delle reali capacità e volontà di un’intera classe dirigente di voltare pagina rispetto ad anni segnati da interventi meramente emergenziali, privi sempre di una programmazione credibile e di un disegno d’insieme capace di dettare regole, obiettivi e relative scadenze.

Uno spartiacque storico che potrebbe anche segnare un solco incolmabile tra generazioni oggi assolutamente distanti.

Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

10 settembre 2014 at 16:14

Pubblicato su Varie

Piccoli paesi e nuove Province

with one comment

20140808 203607

20140808 203607

di Giovanni Fiorentino e Giuseppe Tecce / titolo originale “Paternopoli nella nuova Provincia”

Le imminenti elezioni del Presidente della Provincia e del Consiglio provinciale rappresentano un primo importante passaggio nell’attuazione delle legge di riordino dell’Ente. La Provincia, come è noto, si avvia concretamente a divenire una istituzione di secondo livello di derivazione comunale ed in stretta connessione con i comuni della propria circoscrizione. La legge di riordino (la legge nr 56/2014, cd “Legge Del Rio”), ha stabilito non soltanto l’esistenza di legame politico ma, soprattutto e in prospettiva, anche di una sinergia di tipo funzionale ed organizzativa tra le autonomie locali “di base” (i Comuni) e la Provincia stessa. Le elezioni che si vanno a tenere, benché dirette alla individuazione dei vertici di un Ente di “secondo livello”, assumono a nostro modo di vedere un rilievo non secondario per le implicazioni dirette che “il riordino” genera nella gerarchia delle autonomie locali, quindi nella gestione delle funzioni locali e quindi ancora, ed in particolare, nella programmazione territoriale e nella organizzazione dei servizi ai cittadini.

Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

10 settembre 2014 at 16:12

Pubblicato su Varie

FILOMENA, IL SUO CUORE E LA TERRA _ Makardìa

with one comment

FILOMENA, IL SUO CUORE E LA TERRA _ da Nòva / Il Sole24ore.com articolo originale : http://vincenzomoretti.nova100.ilsole24ore.com/2014/09/09/makardia/

Questa storia comincia con Amilcare D’Andrea, chitarrista, Virginio Tenore, percussionista e cantastorie e Filomena D’Andrea, testi, musica, voce, chitarra classica e fisarmonica, che loro quando fanno musica sono i Makardìa, termine che i vecchi di Aquilonia, in provincia di Avellino, dove è nato Virginio, che Amilcare e Filomena sono invece di Lioni, usano a volte per auspicare l’aiuto di Dio (“magari a Dio!”), altre volte per dire “non importa, non fa niente” mentre sono pochi quelli che pensano che derivi dal greco “ma-kardìa”, “il mio cuore”.

Però poi non continua così, nel senso che per raccontare di questo fantastico gruppo che usa, nel senso caro a Wittgenstein, le parole e la musica per esprimere la voglia, il bisogno, la possibilità di tenere assieme identità, comunità, impegno (ad esempio contro l’inquinamento e il caporalato) cambiamento, futuro, che canta di Armando (canzone vincitrice del premio alla colonna sonora Key Awards 2012), di Pietro il petroliere, di Energiae di tanto altro ancoraho scelto di raccontare Filomena, che se cambi “Di tanti uomini che siamo, che sono” con “Di tante donne che siamo, che sono”, Neruda pare che Siam molti, una delle sue più belle poesie, l’abbia scritta apposta per lei.
1d'andrea

Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

10 settembre 2014 at 07:49

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: