piccoli paesi

terre, paesaggi, piccoli paesi / il blog dei borghi dell'Appennino

CRESCITA ZERO, il libro di paolo saggese

CRESCITA ZERO – L’Amministrazione comunale di Flumeri /  L’Università Popolare dell’Irpinia /  Le sentinelle dell’Irpinia  /  la Casa editrice Delta 3 di Grottaminarda presentano il libro  di Paolo Saggese  “Crescita zero. L’Italia del Terzo Millennio vista da una provincia del Sud” – Delta 3 edizioni

Flumeri, Sala Consiliare, il 28 dicembre, alle ore 17.00

Rocco Antonio Giacobbe, Sindaco di Flumeri

Carmine Famiglietti, Sindaco di Castel Baronia

Silvio Sallicandro, Editore

Modera e introduce:

Michele Ciasullo, Presidente UPI e Sentinella dell’Irpinia

Intervengono:

Dario Meninno, RSU FIOM – CGIL

Alessandro Di Napoli, Centro di Documentazione sulla Poesia del Sud

Costantino Lo Conte, Responsabile Comunicazione Sentinelle

Maria Teresa Di Paolo, UPI e Sentinelle dell’Irpinia

Peppino Iuliano, Centro di Documentazione sulla Poesia del Sud

Antonio Morgante, Segretario UPI e Sentinella dell’Irpinia


Nel libro corale di Paolo Saggese, introdotto da Pino Aprile e Michele Ciasullo, postfazione di Dario Meninno, si racconta l’Italia e l’Irpinia di questi anni, la crisi economica attuale, la fine della FIAT IRISBUS di Valle d’Ufita, la fuga dei giovani, che le Sentinelle dell’Irpinia cercano di arginare, invitando tutti gli Irpini a divenire Sentinelle.

Il libro, infatti, si chiude con la Lettera delle Sentinelle, che è la seguente:

Lettera agli Irpini

Vi chiederete forse il perché di questa lettera, voi che di parole ne avete ascoltate tante. Siete stanchi di parole, perciò vi chiediamo solo cinque minuti.

Siamo le “Sentinelle d’Irpinia”, che non è un movimento, non è un partito, non è un’entità estranea, ma un modo di essere, una testimonianza di civiltà.

La Sentinella è esempio di gratitudine nei confronti del nostro mondo, significa essere grati di ciò che abbiamo e perciò possiamo essere testimoni di amore disinteressato. La Sentinella trasmette un messaggio di amore disinteressato nei confronti della Terra.

E in cosa consiste questo modo di essere? Il nostro modo di essere è osservare il territorio, guardarci intorno, divenire i testimoni di un territorio che non ha voce e che ha bisogno di essere ascoltato.

Le Sentinelle pongono al centro del loro impegno il bene comune, costituito dal mondo in cui viviamo, dalle risorse naturali, territoriali, ambientali, culturali, sociali, economiche, e si propongono di salvaguardarlo per consentirgli la sopravvivenza.

Primi firmatari

Pasquale Antonio Buccio, Michele Ciasullo, Alessandro Di Napoli, Maria Teresa Di Paola, Carmine Famiglietti, Giuseppe Iuliano, Assunta Lo Conte, Costantino Lo Conte, Dina Lo Conte, Nunzio Lucarelli, Attilio Martiniello, Franca Molinaro, Antonio Morgante, Laura Mottola, Luciana Palumbo, Dario Raduazzo, Elena Raduazzo, Paolo Saggese, Silvio Sallicandro, Gerarda Tanga.

Written by A_ve

27 dicembre 2011 a 17:22

Pubblicato su Varie

Tagged with , ,

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. comprerò il libro per leggerlo tutto d’un fiato.
    comunque io mi augurerei anche una crescita zero per Monteverde visto che questo diventa sempre più ilpaese della decrescita, dello spopolamento, della morte.
    Un saluto a tutti voi
    http://www.monteverdeirpino.wordpress.com

    lavocedimonteverde

    27 dicembre 2011 at 21:39


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: