piccoli paesi

terre, paesaggi, piccoli paesi / il blog dei borghi dell'Appennino

Stati Generali: rassegna stampa del 2°incontro

Di seguito la rassegna stampa del secondo incontro degli Stati Generali dell’Alta Irpinia, tenutosi a Montella, presso il complesso di San Francesco a Folloni venerdì 20 gennaio 2012

Stati Generali dell’Alta Irpinia, i sindaci: «La priorità è l’occupazione»
di Michele Miele, dal Corriere dell’Irpinia del 21/01/2012

MONTELLA – Secondo appuntamento a Montella con gli Stati generali dell’Alta Irpinia, la grande mobilitazione delle comunità per la tutela e la salvaguardia del territorio che, ormai da tempo sta subendo seri maltrattamenti in nome di un chiaro e spregiudicato napolicentrismo. Tanti i sindaci, le associazioni e i cittadini presenti.

Ad aprire il dibattito è stato l’avvocato Raffaele Capasso che ha parlato dell’iniziativa del 4 febbraio a Sant’Angelo dei Lombardi in difesa del Tribunale.
Purtroppo a disertare l’appuntamento, per motivi di salute, è il sindaco di Montella. Ed ecco che gli onori di casa sono fatti dall’assessore Moscariello che ha salutato e ringraziato tutti i presenti spiegando che l’obiettivo del sindaco Ferruccio Capone è sempre stato quello di uscire dai campanili ed aprirsi al territorio.

Il tema da trattare a Montella doveva essere quello dell’ambiente. Ed allora l’introduzione è stata affidata ad Angelo Verderosa che ha parlato del Parco Rurale dell’Irpinia. «Già con la Comunità provvisoria – dice – avevamo fatto la proposta di un Parco rurale dell’Irpinia che raccoglie un territorio che comprende tutti i paesi della Comunità Montana Alta Irpinia ed arriva fino alle sorgenti del Sele e del Calore. Un territorio ai confini con Lucania e Puglia ricco di vegetazione. Siamo in un territorio montano che va tutelato come quelli isolani. E’ un territorio che ha tantissime caratteristiche e tradizioni da quelle storiche a quelle ambientali, da quelle culturali fino ad arrivare a quelle delle infrastrutture con la famosa linea ferroviaria Avellino- Rocchetta.
Un territorio che è fornito già da una grande catena di agriturismi, circa cento, che, però, non sono legati tra di loro. Secondo il nostro punto di vista se si investe sull’agricoltura e si da vita ad un turismo, anche se di nicchia, si riesce a trovare uno sbocco occupazionale per tanti giovani che devono abbandonare l’idea distorta del posto fisso e tuffarsi nel magico mondo della campagna e dell’agricoltura«.

Ad un intervento forte e sentito riferito al difficile momento occupazionale ci ha pensato il primo cittadino di Sant’Andrea di Conza Gerardo Pompeo D’Angola.
«Penso che non sia più il caso di parlare soltanto, dobbiamo dare risposte ai cittadini che ogni giorno più numerosi ci chiedono aiuto. Dobbiamo, per esempio, chiedere all’Ema perchè ha assunto 28 casertani non considerando proprio i giovani delle nostre zone. Dobbiamo avere il coraggio di dare una svolta. In caso contrario è meglio che ci facciamo da parte. E’ il momento della concretezza. Basta parole».

Secco anche il sindaco di Teora Stefano Farina.
«Dobbiamo dar vita ad una condivisione dello sviluppo locale – spiega- altrimenti non si va da nessuna parte. Decidere che vogliamo fare del nostro territorio stando insieme, il che non significa provare a prevalere, ma anche avere una parola in meno degli altri ma che sia utile alla causa comune della crescita».

Punta dritto alla difesa della sanità e della Giustizia il sindaco Michele Forte di Sant’Angelo dei Lombardi.
«E’ inutile parlare di crescita e sviluppo – dice Forte – se ci tagliano i servizi essenziali come il Tribunale e l’Ospedale. Dobbiamo lottare tutti insieme anche per l’occupazione. Riguardo a ciò abbiamo già avviato un percorso importante con lo stato di crisi in Valle Ofanto. Allargare questa vertenza e provare ad avere alla fine dei finanziamenti che ci daranno la possibilità di progettare un futuro diverso per le aree industriali e quindi per l’occupazione».

Basta con e lamentele e le denunce per il sindaco di Cassano Salvatore Vecchia.
«Non serve più soltanto lamentarsi e recriminare del male subito – spiega Vecchia – . Bisogna secondo fare una selezione delle problematiche e provare a dare delle soluzioni che siano concrete e capire quali sono le cose che effettivamente possiamo fare. E’ inutile continuare a lamentarsi, ma dobbiamo dare e fare proposte che siano collegate le une alle altre. Capire, però, la priorità delle emergenze è la cosa principale».

Precise e chiare le proposte del sindaco di Nusco Giuseppe De Mita.
«Prima di tutto chiedo ai colleghi sindaci – afferma De Mita – di chiedere delle spiegazioni all’Ema rispetto alla non considerazione dei giovani dell’Alta Irpinia nella sua politica di assunzione. Poi ribadisco che per me è necessario il coinvolgimento di tutti i 119 sindaci dell’Irpinia e proprio in relazione a questo chiedo all’amico Massimiliano Carullo, sindaco di Mercogliano, di farsi promotore di un appuntamento con tutti i primi cittadini della Provincia di Avellino».
E con De Mita si è conclusa la seconda riunione degli Stati generali dell’Alta Irpinia. I sindaci, in conclusione, nel dari appuntamento a Calitri l’11 febbraio hanno deciso di chiedere con una lettera spiegazioni proprio all’Ema rispetto alle ultime assunzioni.

Allarme dei sindaci:”Ci scippano i posti di lavoro”
di Giulio D’Andrea, da Il Mattino del 21/01/2012

Questo territorio parli una sola voce (clicca qui per leggere l’articolo, ppgg 6-7)
di Elisa Forte, da Ottopagine del 21/01/2012

Annunci

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Esiste un Grande Programma di sviluppo che va sotto il nome “La Via del vino tra i castelli dell’Irpinia verde” che la Regione ha dimenticato in un cassetto. Un progetto (che risale alla Giunta Bassolino) che prevede interventi per 100 milioni di euro e che punta alla valorizzazione delle risorse identitarie irpine ed a creare
    una rete integrata territoriale che va dalla Valle del Sabato alla Valle dell’Ofanto. Un lavoro che parte dal basso e che nasce dall’elaborazione di 5 comuni proponenti e che ha ricevuto l’approvazione di altre 31 amministrazioni locali. La candidatura del progetto è arrivata a Palazzo Santa Lucia dove, il 31 luglio del 2009, ha ottenuto, all’unanimità, la delibera dell’attuale giunta regionale. Pochi mesi fa è arrivato il via libera dal Ctca (comitato tecnico congiunto per l’attuazione) organismo istituito dal Cipe per la selezione dei progetti Pain- Fas. Su questo tema di particolare importanza per lo sviluppo turistico della provincia Riteniamo che sia una battaglia utile per la nostra provincia per bloccare eventuali manovre di Palazzo ed accelerare la fase esecutiva degli interventi.
    Come mai i sindaci non ne fanno una battaglia per l’alta Irpinia?

    pietro mitrione

    22 gennaio 2012 at 21:57

  2. Sarebbe il caso di prendere visione di alcuni progetti nel cassetto già cantierabili:
    a. progetto di parco regionale Aquilaverde da me presentato ai Comuni di Monteverde, Aquilonia e Lacedonia e fatto proprio dalla Comunità Montana Alta Irpinia, ma mai realizzato;
    b. progetto di ciclopista attraverso i suddetti Comuni + Bisaccia, Rocchetta S.Antonio, e altri comuni pugliesi, che rappresenterebbe la prima ciclopista interregionale e la più lunga del Sud.
    c. un progetto del CAI di aVellino attraverso i suddetti comuni e il parco Aquilaverde come segmento del percorso micaelico da Mont St Michel a Monte S.Angelo recuperando gli antichi tratturi.
    Con chi mi devo rapportare per recare un contributo a questo meraviglioso sforzo che state compiendo?
    Aldo Vella 3332493123 aldovella@alice.it

    aldovella

    22 gennaio 2012 at 20:48


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: