piccoli paesi

terre, paesaggi, piccoli paesi / il blog dei borghi dell'Appennino

Archive for agosto 2014

TCI / Prima riunione per la costituzione del Club di Territorio

TOURING CLUB ITALIANO

Prima riunione per la costituzione del Club di Territorio

sfoglia il VERBALE della riunione tenuta a Cairano il 9 agosto 2014

2014 08 09 TCI Club di Territorio _ verbale _.pdf

Partecipa alla prossima riunione; per essere inserito nella mailing list ‘Paesi d’Irpinia TCI’, invia una e.mail a : piccolipaesi@gmail.com

Written by A_ve

15 agosto 2014 at 08:27

No alla “valorizzazione del territorio”

No alla “valorizzazione del territorio” _ di Lucio Graofalo
Recentemente, su vari fogli locali mi è capitato di leggere alcune prese di posizione assunte a favore del territorio e, congiuntamente, delle trivellazioni petrolifere nelle nostre zone. Suona quasi come una contraddizione terminologica.
In breve, la tesi si può riassumere nel modo seguente: lo sfruttamento di giacimenti petroliferi servirebbe (udite, udite!) a valorizzare il nostro territorio, da troppo tempo trascurato ed escluso dai processi di sviluppo economico.
Ora, al di là del merito specifico (in particolare l’idea centrale di uno “sviluppo” che ci si ostina a rilanciare e a rivendicare in un momento di profonda crisi recessiva, delineando una visione della società e dell’economia assolutamente discutibile, nella misura in cui tradisce un equivoco di fondo che confonde lo sviluppo, o la crescita economica, con il progresso, la cui accezione è di ben altra portata storica, etica e civile), mi preme abbozzare una riflessione sul senso concettuale del verbo “valorizzare”, forse fin troppo abusato, quanto distorto e frainteso.
In breve, valorizzare vuol dire creare valore. La nozione di “valore”, in termini squisitamente economici, equivale a ricchezza, dunque a denaro. Per cui valorizzare significa reperire sovvenzioni e flussi di capitali. In sostanza, vuol dire arraffare i soldi pubblici. Per distribuirli ai privati. In questo caso, ai detentori del grande capitale monopolistico (pubblico e privato), vale a dire le multinazionali petrolifere.
Qui da noi, in Irpinia, sono decenni che si “valorizza” ed ormai è rimasto ben poco da “valorizzare”. Ecco che il petrolio (il prezioso “oro nero”, in nome del quale i potenti del mondo scatenano guerre ovunque, conflitti e disastri a profusione) si tramuta in una sorta di “manna caduta dal cielo”. È ovvio che una simile occasione non è da sprecare per i voraci “pescecani” di casa nostra (o “Cosa nostra”) e tutti gli altri famelici predatori in agguato da fuori provincia.
Per tali ed altre ragioni, appena io sento qualche vecchio volpone locale parlare ancora di una presunta, o pretesa, “valorizzazione del territorio” (tradotto in pratica, equivale a: scempio ambientale, devastazione, truffa ed estorsione legalizzata, rapina su vasta scala, ladrocinio e ruberie in grande stile e via discorrendo), mi viene subito l’orticaria.
Si tratta di una sorta di insofferenza profonda, ovvero di allergia, verso ogni forma di “valorizzazione del territorio”.

Written by A_ve

15 agosto 2014 at 08:19

Pubblicato su Varie

MASTER CLASS col maestro Lemetre _ Cairano 7x 2014 _ Foto di Antonio Bergamino

Written by A_ve

14 agosto 2014 at 07:02

Pubblicato su Varie

FESTIVAL dei CORTI TEATRALI _ Cairano 7x 2014 _ Foto di Antonio Bergamino

Written by A_ve

14 agosto 2014 at 06:59

Pubblicato su Cairano 7x, Varie

Tagged with ,

CAPOSELE _ gioved’14 agosto

“Jazz&Wine all’Ombra del Campanile”  / Un viaggio tra lotta razziale Spiritual & Jazz e degustazioni guidate

CAPOSELE – Torna a Caposele, giovedì 14 agosto, dalle 20,30 l’appuntamento con “Jazz&Wine all’Ombra del Campanile”.  La rassegna,  ideata dall’Associazione culturale “Musicalmente”, ed il patrocinio morale del Comune di Caposele, giunge alla sua seconda  edizione, dopo il successo di pubblico e di critica dell’anno scorso che ha fatto diventare l’iniziativa una delle manifestazioni più attese del nostro territorio per gli appassionati di Jazz e non solo.

Anche quest’anno, la location di questa edizione è il suggestivo Parco Saure, ai piedi dell’antico Campanile da secoli sentinella delle sorgenti del Sele . Tra le antiche cantine, costruite su roccia viva, nel cui interno si può ascoltare lo scroscio dell’acqua, in un’atmosfera ed un luogo senza tempo, si concretizza  il connubio indissolubile tra l’essere umano e la musica, tra la terra e la cultura,  tra il buon vino ed  il sano cibo.

Con l’idea di unire suoni, sapori,  paesaggio e tradizioni locali, quest’anno si è pensato ad un percorso tra jazz e vino, cultura e spettacolo, in cui la condivisione di un buon bicchiere di vino si unisce alla musica, in un incontro di piaceri attraverso un sentiero sensoriale che si snoda  tra una selezione del le principali etichette di cantine nazionali ed irpine a cura di esperti Sommelier (ASI) e l’eccezionale ensembles  di musicisti  jazz che si esibirà nella nel corso della serata. Il visitatore sarà invitato a percorrere un viaggio sensoriale, un percorso fatto di ottima musica e prodotti enogastronomici di elevata eccellenza,  un connubio perfetto tra qualità e raffinatezza.

Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

14 agosto 2014 at 06:28

Pubblicato su Varie

ARIANO FOLKFESTIVAL 14-18 agosto SEUN KUTI – BOMBINO – BOBO RONDELLI – CHICO TRUJILLO

XIX edizione

ARIANO FOLKFESTIVAL

Latinafrican

14 / 18 agosto

Ariano Irpino – (Avellino)

L’Irpinia crocevia del mondo con l’Ariano Folkfestival, 5 giorni di musica senza confini di genere – dal 14 al 18 agosto – cinema, arte e gastronomia si mescolano in quello che molti considerano ‘the best kept secret’ del panorama festivaliero italiano. Da qualche anno tira aria fresca nella torrida estate italiana, lontani da creme abbronzanti e spiagge affollate, in una piccola porzione di terra aspra e montuosa sotto le pendici dell’Appennino Campano, c’è uno degli eventi di world music più speziati del Mediterraneo: l’Ariano Folkfestival. 19 anni di storia e 40.000 presenze l’anno, il Festival ha ospitato oltre 200 band provenienti da 20 diverse nazioni con nomi del calibro di Gogol Bordello, Vinicio Capossela, Goran Bregovic, Instituto Mexicano del Sonido, Balkan Beat Box e Tony Allen, Alborosie, Dubioza Kolektiv tra i tanti. Quest’anno, dal 14 al 18 agosto, il festival si muove a ritmo di cumbia, reggae, folk, gypsy, jazz, afro beat, rock meticcio con più di 20 gruppi pronti ad avvicendarsi sul Folkstage [piazzale di Piano della Croce], in una sorta di giro del mondo che parte dal Vecchio Continente (Italia, Francia, Inghilterra, Danimarca) raggiunge il Sud-America (Cile) e finisce dove tutto è iniziato, in Africa ( Niger, Nigeria). Accanto alla programmazione musicale l’AFF arricchisce la cinque giorni con il cinema e la poesia, il teatro e la street art oltre l’immancabile viaggio tra i sapori della tradizione irpina. Non mancheranno anche quest’anno l’area dedicata ai più piccoli, lo yoga, i laboratori di danze popolari, il cineforum, i concerti gratuiti all’aperitivo e dopo la mezzanotte con la Corazone e la Sonazone pensata per gli irriducibili delle notti folkfestivaliere, la Bookzone dedicato ai libri e ai suoi autori. Non poteva mancare il Volkscamp, l’area boschiva nel cuore della città di Ariano adibita a campeggio. Il ricco programma di quest’anno si apre, il 14 agosto, con il grande erede dell’Afrobeat nigeriano Seun Kuti, accompagnato dalla big band di 14 elementi Egypt 80 featuring Enzo Avitabile, che presenterà il suo ultimo album“A long way to the beginning”, una critica feroce diretta alle ingiustizie in Nigeria e nel mondo ; prosegue la serata con il mix tra world music, elettronica e folk jazz del fortunato album “D.N.A” di Barresi Project; il 15 agosto scaldano il palco i salentini Bundamove, un mix di funk, rock e reggae che vantano collaborazioni con diversi artisti tra cui spicca la voce della conterranea Emma Marrone, Roberto Angelini, Mr T-Bone, Nitto; headliner della serata la band cilena Chico Trujillo definita dalla BBC “uno dei maggiori esponenti della new wave della musica cilena” con oltre 5 milioni di visualizzazioni su youtube, affonda le proprie radici nella cumbia non tralasciando l’importanza della cultura alternativa latinoamericana; il 16 agosto la stella della serata è il “Jimi Hendrix del deserto” Bombino con il suo ultimo album “Nomad” prodotto da Dan Auerbach dei Black Keys, inserito da Rolling Stone America e dall’autorevole NPR radio nella classifica dei 50 migliori album del 2013; per trovare sollievo al proverbiale mal d’Africa c’è il live d’ apertura dell’italofrancese Sandro Joyeux, un omaggio all’Africa con grandi musicisti come Madya Diebate e Moussa Traorè e gli italiani Daniele Sepe e Ilaria Graziano; i torinesi Mau Mau i cui suoni si fondono in un idioma musicale senza confini; non poteva mancare il cantautore Bobo Rondelli con i suoi testi cinici e appassionati che suonerà alla Corazone alle 19. il 17 agosto spazio a due gruppi nordeuropei con due show esplosivi, la psichedelia gypsy dei danesi Tako Lako, un incontro fra le sonorità dei Gogol Bordello e quelle dei Depeche Mode, e i performer inglesi Slamboree, un collettivo di musicisti, performer circensi con il loro show pirotecnico; il 18 agosto il main stage è rigorosamente made in Italy con la star del reggae italiano Valerio Jovine e il suo progetto Jovine creato con suo fratello Massimo JMR dei 99 Posse, e la nuova formazione di The Bluebeaters con Pat Cosmo, Mr T-Bone e Maya che festeggiano il ventennale della band che farà saltare tutta la piazza a ritmo di ska e reggae anni 60/70. A conclusione delle intense serate i dj set del produttore francese Captain Cumbia, specialista della cumbia in tutte le sue forme, l’afro future beat di Dj Khalab, il live dei francesi Smokey Joe & The Kid ci trasportano indietro in una Chicago degli anni ’30 con un mix di hip hop e electro swing, Sasha Dieu conosciuto in tutto lo UK per essere il pioniere dell’electro swing, world music e balkan gypsy.

PROGRAMMA MUSICALE ARIANO FOLKFESTIVAL 2014

ORARIO INIZIO CONCERTI: 22.00

14 agosto

SEUN KUTI – Egypt80 ( NIGERIA ) feat. Enzo Avitabile

BARRESI PROJECT (Italia)

15 agosto

BUNDAMOVE ( ITALIA)

CHICO TRUJILLO ( CHILE)

CAPITAN CUMBIA (FRANCIA)

16 agosto

SANDRO JOYEUX ( ITALIA/ FRANCIA)

MAU MAU ( ITALIA )

BOMBINO ( NIGER)

BOBO RONDELLI (ITALIA)

DJ KHALAB ( ITALIA)

17 agosto

TAKO LAKO ( DANIMARCA)

SLAMBOREE ( INGHILTERRA)

Smokey Joe & The Kid ( FRANCIA)

18 agosto

JOVINE (ITALIA)

THE BLUEBEATERS (ITALIA)

SASHA DIEU (UK)

COSTO BIGLIETTO

7 euro / sera

20 euro / abbonamento con t-shirt (entro il 20 luglio)

25 euro / abbonamento con t-shirt (dopo il 20 luglio)

ingresso libero fino alle 21.30

INFO E CONTATTI

info – facebook.com/arianofolkfestivaltwitter.com/afolkfestival

Written by A_ve

13 agosto 2014 at 13:45

Pubblicato su Varie

Medioevo a la Rocca

XIX edizione del Medioevo a la Rocca (Rocca San Felice / Alta Irpinia)

Written by A_ve

12 agosto 2014 at 18:29

Pubblicato su Varie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: