piccoli paesi

terre, paesaggi, piccoli paesi / il blog dei borghi dell'Appennino

Archivio dell'autore

INVITO A GESUALDO

leave a comment »

da Gesualdo / Michele Zarrella
Cari lettori di Piccoli Paesi, fra alcuni amici è nata l’idea di fare una serata astronomica il giorno della congiunzione fra Giove e Venere (30 giugno) davanti al sito dove sono state progettate le trivellazioni per la ricerca del petrolio in Irpinia. Per dare un forte segnale contro tale progetto abbiamo pensato di mettere a disposizione del pubblico i nostri telescopi e riunirci lì per protestare contro le trivellazioni. In tre piazzeremo i telescopi, ma se tu volessi arricchire la serata con la tua presenza ne saremmo onorati.
Questo è il link alla manifestazione:
http://www.ildialogo.org/cEv.php?f=http://www.ildialogo.org/ambiente/bastapetrolio_1435477942.htm

Senza cibo e acqua, non si sopravvive; senza aria, non si vive. Il petrolio rovina il cibo, l’acqua e l’aria.


foto angelo verderosa

Written by A_ve

30 giugno 2015 at 08:36

Pubblicato su Varie

San Guglielmo, Patrono primario d’Irpinia

leave a comment »

1024px-StWilliam-FounderSaint

Nel 1942 papa Pio XII ha proclamato Guglielmo patrono primario dell’Irpinia. VIENE FESTEGGIATO al Goleto il 25 giugno con una solenne festa liturgica e civica.

foto a lato : statua di San Guglielmo nella Basilica di San Pietro a Roma

GUGLIELMO da Vercelli, santo

fonte : Dizionario Biografico degli Italiani – Volume 61 (2004)

di Giancarlo Andenna

GUGLIELMO da Vercelli, santo. – Non si conoscono né la data né il luogo di nascita, né la famiglia da cui G. ebbe origine; tuttavia, poiché le fonti medievali lo designano sempre con il toponimo da Vercelli, si può ragionevolmente ritenere che fosse originario di questa città o del suo territorio. Molto tarde e prive di ogni valore storico sono le attribuzioni di G. a famiglie nobili vercellesi e la congettura che egli sia nato attorno al 1085.
La fonte principale della vita di G. è la Legenda de vita et obitu sancti Guilielmi confessoris et heremitae, contenuta in un manoscritto della prima metà del secolo XIII, scritto in caratteri beneventani, conservato nell’Archivio dell’Abbazia di Montevergine, il cui nucleo centrale fu redatto da un monaco appartenente alla generazione successiva a quella di G., per ordine di Giacomo, abate di S. Salvatore al Goleto nella seconda metà del XII secolo.

Il racconto agiografico mostra G. come penitente volontario, che a quattordici anni decise di abbandonare la famiglia e la città natale per recarsi in pellegrinaggio a San Giacomo di Compostella.

Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

25 giugno 2015 at 08:10

MESOTHALASSIA, in bici da dall’Adriatico al Tirreno, via paesi d’Irpinia

leave a comment »

PROGETTO MESOTHALASSIA
Dieci tappe dall’Adriatico al Tirreno, passando per Molise, Puglia, Basilicata e Campania, rigorosamente in sella a una bici. Mesothalassia è una ciclo-staffetta dalle dune del Molise al Golfo di Napoli, un evento di divulgazione scientifica che ha come oggetto l’acqua come fonte di alimentazione, energia e biodiversità. Il percorso, ideato e mesothalassiadiretto dall’ecologo Domenico D’Alelio e coordinato dalla Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli, in collaborazione con i ricercatori dell’Istituto di Scienze Marine del CNR di Lesina, avrà luogo dal 28 giugno al 7 luglio 2015.

In ogni tappa del percorso il team visiterà riserve naturali, oasi WWF, borghi, siti archeologici e altre zone di elevato interesse ambientale. Sono previste diverse attività di divulgazione scientifica alla scoperta degli ecosistemi acquatici, come l’osservazione e identificazione della flora e fauna locale, ma anche la determinazione della qualità delle acque. In Irpinia a Cairano, Oasi di Conza e Abbazia del Goleto.

ECCO LE TAPPE IN DETTAGLIO :
2 luglio 2015 Tappa n. 5 : Venosa (PZ) – Cairano (AV) 
Il team partito da Venosa raggiungerà Cairano dove, dopo i saluti di rito e la visita al borgo, terrà una Conferenza pubblica in Piazza San Leone intorno al vecchio tiglio, con i seguenti temi:
Ore 18:30
– Il Pianeta Blu: Cibo, Energia, Vita – dott. Domenico D’Alelio; 
– Confini Blu. Storie di viaggi e di lentezza in bici, a piedi e in kayak tra i confini del nordest – prof. Emilio Rigatti;
– La poesia dell’acqua – dott. Felice D’Alelio;
– Mesothalassia, il ciclo-naturalismo e un turismo «dolce».
3 luglio 2015 Tappa n. 6 : Cairano (AV) – Lago di Conza (AV) 
Per tutta la giornata del 6 luglio si sosterrà al Lago di Conza, presso l’omonima oasi WWF.
Ore 9:00 – Il personale dell’Oasi accompagnerà i divulgatori e il pubblico attraverso i percorsi dell’Oasi. Tra i temi affrontati, ci saranno la nascita della diga di Conza e del rispettivo lago artificiale, l’istituzione dell’Oasi e la sua storia passata e recente, la sua importanza quale area umida interna per la vita degli uccelli migratori che vi sostano. Tra i temi affrontati, anche quello della migrazione degli uccelli.
Ore 11:00 – Evento “Ciao, io sono il plancton!” Campionamento delle acque del lago ed osservazione di campione vivo di plancton al microscopio con identificazione tassonomica per grandi gruppi (dott. Andrea Zignin). Grandi e piccini potranno ammirare il mondo invisibile che si cela in una goccia d’acqua.
Nell’ambito di questo evento, comunicazione divulgativa inerente l’iniziativa Mesothalassia – Cammini LTER e le osservazioni a lungo termine di micro-organismi nei laghi italiani (dott. Andrea Zignin, in collaborazione con siti LTER lacustri, dott. Nico Salmaso, Fondazione Edmund Mach).
Ore 13:30 – Pic-nic in riva al lago di Conza.
Nel corso della giornata, una delegazione di Mesothalassia farà visita all’Abbazia del Goleto (S. Angelo dei Lombardi, AV) per una visita guidata organizzata dal Touring Club Italiano – Club di Territorio “Paesi d’Irpinia”. 
Ore 15:00 – Laboratori didattici ai quali parteciperanno i bambini delle scuole di Cairano e comuni limitrofi. Temi dei laboratori:
– “Scegli me e disegnami!”. Sessione di disegno naturalistico. Ai bambini verranno mostrate foto di organismi grandi (uccelli) e organismi piccolissimi (micro-organismi planctonici presi dal lago) e potranno disegnarli, con l’aiuto dei divulgatori scientifici. Nel corso di questo laboratorio, i divulgatori faranno notare ai bambini i tanti piccoli particolari nascosti nelle stranissime forme dei micro-organismi acquatici, tanto diversi dagli organismi grandi e visibili ad occhio nudo
– “Pesce grande mangia pesce piccolo. Ma cosa mangia il pesce più piccolo? Il plancton!”. Con linguaggio semplice e disegni schematici, verrà spiegato ai bambini perché il plancton è importantissimo per l’uomo, come primo stadio della piramide alimentare in fiumi, laghi, mari ed oceani.
Ore 18:00 – Giro in bici per grandi e piccini lungo il percorso da mountain-bike recentemente aperto all’interno dell’oasi e visita al Parco archeologico di Compsa.

Written by A_ve

24 giugno 2015 at 18:23

Pubblicato su Varie

a Cairano via Ferrovia, domenica 28 giugno 2015

leave a comment »

Written by A_ve

24 giugno 2015 at 18:03

Pubblicato su Varie

Cosa andate cercando ? (FOTO 2)

leave a comment »

“Da dove venite? A chi appartenete? Cosa andate cercando?” FOTO (2)

Diario fotografico di : Giovanni Pandolfo (TCI Campania), Giovanni Maggino (Sinergie), Vito Abate (CAI Campania), Andrea Rinaldi, Filomena Cataldo.

altre foto sono QUI _

Written by A_ve

24 giugno 2015 at 17:16

da dove venite ? _FOTO 1_

with one comment

“Da dove venite? A chi appartenete? Cosa andate cercando?”

Diario fotografico di una camminata nel solstizio d’estate, da Calitri a Cairano; una traversata epica… Viva l’Irpinia, Vivano i Piccoli Paesi !!!

foto-telefono angelo verderosa

Written by A_ve

24 giugno 2015 at 16:56

“Ponte Tibetano di Laviano” : apre il 21 giugno 2015

leave a comment »

Cari amici di Piccoli Paesi,

desidero invitarvi all’inaugurazione del “Ponte Tibetano di Laviano”, che si terrà a Laviano (SA) alle ore 11.00 il giorno 21 giugno 2015.

Si tratta di una passerella pedonale, di luce pari a ca. L = 90,0 m e freccia, in condizioni di massimo carico, pari a fmax = 4,1 m, per una altezza dal fondo del torrente di ca. 80 m. Le testate del ponte si trovano alla medesima quota sul livello del mare, prossima ai 511 m s.l.m..

La passerella è un’opera estremamente leggera e a ridotto impatto estetico visivo con una forte valenza simbolica e architettonica. La struttura è, infatti, costituita essenzialmente da cavi in acciaio speciale che corrono da parte a parte del vallone delle Conche e da un piano di calpestio in grigliato antiscivolo che consente di “vedere attraverso”.

Un po’ di dati.

Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

19 giugno 2015 at 08:21

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: