piccoli paesi

terre, paesaggi, piccoli paesi / il blog dei borghi dell'Appennino

Posts Tagged ‘abbazia

PUNTO DI RITROVO: IL CAMMINO di GUGLIELMO 2018

DOMENICA 13 MAGGIO 2018

Riprende il Cammino di Guglielmo, transumanti e pellegrini in Irpinia verso il Goleto. Appuntamento a domenica 13 maggio, quando la terra irpina rifiorisce in tutto il suo splendore. Quest’anno partiremo dall’Oppido (area archeologica montana) di Lioni e per vie montane arriveremo al Goleto nel pomeriggio.

.

PUNTO DI RITROVO
Ore 9.00: ritrovo dei partecipanti (con mezzi propri) in località Oppido in Lioni (AV),
coordinate GPS 40°49’59.1″N 15°10’53.4″E  (da inserire in navigatore);  parcheggio delle auto lungo la strada SP 368 (strada che collega Lioni con Laceno). Navetta di assistenza lungo il cammino.
 .
 .
.
.
 IL CAMMINO DI GUGLIELMO 2018.png
.
.

EVENTO SEGNALATO sul sito nazionale del TOURING CLUB ITALIANO, clicca QUI

.

SCARICA QUI il programma completo in pdf

.

attraversamento-al-goleto-_-cammino-di-guglielmo-2017-_-foto-av

.

DOMENICA 13 MAGGIO 2018

Schermata 2018-03-24 alle 18.40.00.png

.

 

TUTTO sul Cammino di Guglielmo, per saperne di più, clicca QUI

.

.

.

.

.

.

Annunci

Written by A_ve

10 marzo 2018 at 10:55

22 09 2013 il Sole24Ore Museo Monticchio

Written by A_ve

23 settembre 2013 at 08:44

Pubblicato su Varie

Tagged with , , , ,

FOTOGRAFI IN BICICLETTA

bicilettaLa Fiab Senzarotelle AV in collaborazione con Antonio Bergamino, fotografo professionsta e l’Associazione In_LocOmotivi, organizza “FOTOGRAFIAMO IN SELLA”, un mini tour finalizzato alla conoscenza del territorio, all’osservazione ed alla ricerca fotografica utilizzando la bicicletta quale mezzo di locomozione, ecologico e salutare.
Si pedalerà in compagnia, nel rispetto di ogni singolo partecipante, sostando in funzione dei meno allenati e dei panorami naturalistici che l’Alta Irpinia offre.
Si parte dall’Abbazia del Goleto per raggiungere l’altopiano del Formicoso per poi riprendere la via del ritorno pernottando a Cairano. Il giorno dopo visiteremo il sito archeologico di Compsa, l’Oasi WWF di Conza ed al rientro l’Abbazia del Goleto.
Il percorso è tutto su strada asfaltata, si suggerisce l’uso di mountain bike e biciclette ibride. 
Leggi il seguito di questo post »

In CAMMINO con Guglielmo

Il cammino di Guglielmo 2012In CAMMINO nei piccoli paesi dell’Appennino

È programmata per sabato 18 e domenica 19 maggio 2013 la seconda edizione di Recupera /Riabita nel complesso dell’Abbazia del Goleto a Sant’Angelo dei Lombardi. La due giorni nei piccoli paesi dell’Appennino, quest’anno ospita, tra gli altri contributi, quello del ricercatore e sociologo Enrico Finzi, presidente dell’Istituto Astra Ricerche, past president dell’Associazione Italiana Pubblicitari Professionisti, giornalista e docente universitario, consulente di alcune delle maggiori aziende nazionali e autori di saggi sul marketing.

Un interessante e denso programma è stato elaborato e promosso da Angelo Verderosa, animatore del blog ‘Piccoli Paesi‘, da Mario Marciano e Dario Bavaro dell’Osservatorio sulla Comunicazione ‘Segni di Festo‘, da Agostino Della Gatta di ‘IrpiniaTurismo‘ e dal Gruppo 7x con Gilda Rizzi, Raffaele Capasso, Antonio Vespucci, Fernanda Ruggiero. Gli antichi casali medioevali della storica Abbazia, come già successo nella prima edizione di giugno scorso, saranno riabitati da viaggiatori e pellegrini grazie all’accoglienza della Diocesi e dei Piccoli Fratelli di Charles de Foucauld.

Sabato prossimo (18 maggio) sono previste escursioni con visite guidate ai piccoli paesi dell’appennino irpino-lucano; in mattinata, lungo il corso dell’Ofanto, si andrà nel Borgo Castello di Calitri e poi a San Fele, fino all’Abbazia di S.Maria di Pierno fondata anch’essa, come il Goleto, dal giovane pellegrino Guglielmo, oggi patrono d’Irpinia. Nel pomeriggio si visiterà Cairano, vero archetipo dell’attuale condizione di desertificazione dei piccoli borghi e già sede negli anni passati di Cairano 7x il festival visionario della Comunità Provvisoria con Franco Dragone del ‘Cirque du Soleil’.

Domenica (19 maggio), con partenza all’alba, è prevista la seconda edizione del “Cammino di Guglielmo”, un viaggio-pellegrinaggio a piedi attraverso la verde campagna altirpina nel periodo di massimo splendore. Saranno 16 km. da percorrere con lentezza su strade rurali con partenza alle 6,30 dalla Chiesa di S.Francesco a Folloni (Montella) fino all’Abbazia del Goleto. Partecipano camminatori provenienti da varie parti della regione campania; si farà un cammino a passo lento con pause dedicate alla meditazione e al ristoro.

Nel pomeriggio, al Goleto, nel cerchio della grande chiesa a cielo aperto, detta ‘del Vaccaro’ in memoria dell’architetto Domenico Antonio Vaccaro che la realizzò dopo il terremoto del 1732, ci sarà un incontro comunitario sul tema ‘Recupera Riabita, grandi risorse nei piccoli paesi’ ; sarà la sintesi delle visite, dei confronti e delle esperienze fatte dal gruppo.

Durante il convegno, il TRIO MAKARDìA proporrà lo spettacolo ” OCCHIOPEROCCHIODENTROPERDENTRO”.
Un contributo di eleganza e suggestione sarà dato dalle improvvisazioni coreografiche del Centro Studi Danza Artinmovimento diretto da Antonella De Angelis che presenterà il cortometraggio “La terra negli occhi”.

 per ulteriori informazioni :  Angelo Verderosa 348 6063901 /  Mario Marciano 340 3517357 /  piccolipaesi@tiscali.it

MAPPA 

MAPPA il cammino di Guglielmo _ da san francesco a folloni all abbazia del goleto

il cammino di guglielmo 8 7 2012

locandina 2013[1]

Abbazia del Goleto 4

IL CAMMINO DI GUGLIELMO _ il video di Mario Marciano

Written by A_ve

17 agosto 2012 at 13:41

Come ho visto la terra d’Irpinia. di Luigi Pucciano

Luigi Pucciano, RECUPERA / RIABITA Abbazia del Goleto 23 giugno 2012

 Come ho visto la terra d’Irpinia.  di Luigi Pucciano *  _ pubblicato sul MATTINO del 23 7 2012 _  continua la serie di riflessioni post Convegno RECUPERA / RIABITA tenuto nell’Abbazia del Goleto dal 22 al 24 giugno 2012

Torno in Irpinia dopo un anno di assenza. Sono approdato lo scorso anno per la prima volta sulle spalle di Cairano per godere dal vivo quello che avevo assaporato per mesi tramite il blog della Comunità Provvisoria, i racconti strazianti di Franco Arminio, le delicate visioni di Angelo Verderosa. Finalmente sedevo sulla rupe, ascoltavo il silenzio e masticavo lentamente, assaporando il paesaggio e il calore umano di gente semplice, mesta, profonda.

Sono rimasto folgorato da una bellezza tutt’altro che prorompente, mesta, orgogliosa nonostante fossi già abituato alla mia Calabria. Sono tornato più volte la scorsa estate, curioso di scoprire ulteriori sfumature, approfondire  discorsi, scoprire altre luci, indagare altri luoghi di una terra semplice e generosa verso chi sa raccoglierne i frutti.

Questa volta è un viaggio fecondo, si va in Irpinia con il mio collega Daniel, che ho stremato con i miei racconti favolosi sull’Irpinia, e due grafici olandesi, Hans e Ingeborg che hanno raccolto l’ispirazione della rupe di Cairano per trasformarla in una serie di racconti e immagini da regalare al mondo in forma di libro digitale. Andiamo insieme per partecipare, ritrovare chi in Irpinia ci mette l’anima e per far muovere le balene di pietra che volano già alto, ricamando piroette su un orizzonte lontano.

Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

24 luglio 2012 at 08:23

COME HO VISTO LA TERRA D’IRPINIA _ di Massimo Pica Ciamarra

Riflessioni a margine del Convegno tenuto nell’Abbazia del Goleto il 23 giugno  2012 (1)

Articolo pubblicato sulla prima pagine del MATTINO il 30 6 2012  ( scarica QUI l’articolo in PDF – 1,3 Mb  PICA CIAMARRA _ IL MATTINO 30 6 2012 )

Massimo Pica Ciamarra al Goleto 23 6 2012

Come ho visto la terra d’Irpinia _ di MASSIMO PICA CIAMARRA

Sono cinquant’anni che con occhio di chi progetta, cioè di chi si occupa del come trasformare, frequento l’Irpinia. Ne conosco le montagne, le valli verdi, i paesaggi, gli abitati. Malgrado gli affronti del periodo post-terremoto -tanti interventi impropri- malgrado infrastrutture incapaci di trasformarsi in nuovi paesaggi, la verde Irpinia è una terra meravigliosa, carica di senso, con colori e profili eccezionali. Venerdì eravamo al Goleto: un monumento straordinario per quello che era e per come è stato possibile reinventarlo con colti e sapienti interventi. È un insieme che lascia senza fiato nelle diversità che offre di notte e di giorno -con il buio e con la luce- e per come intrecci nuovo ed antico. Il Goleto non è solo un luogo, è ormai diventato il simbolo concreto di come si possa agire in queste realtà.
Sabato l’Abbazia del Goleto ospitava una tappa della mostra itinerante per i 20 anni della rivista Bioarchitettura. Sta girando tutti i capoluoghi italiani e qui, in Irpinia, invece è accolta in un luogo da raggiungersi appositamente, con un pellegrinaggio che abbiamo fatto in molti. Nello stesso giorno l’Abbazia ospitava un convegno impostato sul simultaneo “recuperare”/“riabitare”, insieme, una questione indissolubile a dispetto di prassi e tendenze sostenute dall’accademia e dai benpensanti.
Quindi due occasioni di incontro in un luogo di straordinario interesse, da raggiungere con lunghi percorsi fra paesaggi dolcissimi e ricchi di memorie. Fra l’altro eravamo ospitati negli spazi stessi del Convento, vi abbiamo dormito, ne abbiamo percorso i luoghi scoperti, sotto le stelle e sotto il sole. Chi torna nello stesso luogo, non importa se ad intervalli di tempo non brevi, coglie trasformazioni o forse qualcosa che non aveva colto in precedenza. Ha ogni volta occhi diversi per il costruito e il non costruito, per le architetture come per i paesaggi.  _CONTINUA
Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

1 luglio 2012 at 09:06

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: