piccoli paesi

terre, paesaggi, piccoli paesi / il blog dei borghi dell'Appennino

Posts Tagged ‘elettrodotto

2013 09 22 Ottopagine

 

articoli correlati

 

Su la testa! Elettrodotti in Irpinia nell’assenza di dibattito pubblico

_di VIRGINIANO SPINIELLO

E’ in atto un processo di industrializzazione energetica della Provincia di Avellino che aprirà le porte alla definitiva modifica del paesaggio dell’Alta e Bassa Irpinia. Nell’assenza di un dibattito pubblico condiviso a livello provinciale almeno tre grandi progetti della Terna si avviano a incidere pesantemente sul già compromesso equilibrio ambientale della provincia di Avellino. Quante notizie abbiamo dell’elettrodotto Montecorvino Avellino nord, del Deliceto Bisaccia o di quello a servizio del bruciatore di oli vegetali della Ferrero?
Qualcuno sa ad esempio che il Montecorvino Avellino nord attraversa il Parco Regionale dei Monti Picentini nella ZPS “Picentini” e nei SIC “Monte Accelica”, “Monte Terminio”, “Monte Tuoro”, “Monte Mai e “Monte Monna”?
O che l’elettrodotto della Ferrero – che ha richiesto l’autorizzazione per 12 pale eoliche – passerà davanti all’Abbazia del Goleto?
E’ vero c’è qualche notizia circa l’elettrodotto Deliceto Bisaccia che attraverserà una zona delicatissima, ricca di biodiversità, ma già satura di parchi eolici. Qui il termine per le osservazioni scade il 9 settembre. Le osservazioni del Comitato Ambiente e Territorio di Bisaccia, Legambiente e della Provincia di Avellino sono state presentate nei tempi, ma ora il Comitato si ritrova a dover contrastare l’enorme mole di contro osservazioni tecniche presentata da Terna.

Leggi il seguito di questo post »

VENETO. 185 cittadini bloccano l’elettrodotto della terna.


20130620_simulazione_elettrodottoUna sentenza del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso presentato da 185 cittadini e da diversi Comuni bloccando i lavori per l’elettrodotto da 380.000 Volt “Dolo-Camin”.  Stop immediato dell’opera e chiusura dei cantieri. E’ salvo uno dei più bei paesaggi dell’eccellenza veneta.

Pubblichiamo l’articolo segnalato da Massimo De Pieri sul progetto di un elettrodotto lungo l’asse idroviario Padova – Venezia, bloccato a seguito di ricorso con una sentenza delConsiglio di Stato depositata il 10 giugno 2013.

Accade talvolta che Davide vinca contro Golia …

Golia in questa storia è TERNA la società che gestisce le linee di distribuzione dell’energia elettrica nel nostro paese in regime praticamente monopolistico, un vero gigante; i Davide invece sono i piccoli comuni, le associazioni ed i comitati di cittadini che per anni hanno combattuto una strenua battaglia per fermare il progetto di elettrodotto aereo da 380 kV che doveva collegare la centrale ENEL di Fusina (Venezia) alla stazione di Camin (Padova), sviluppando il suo percorso aereo, con tralicci altri 60 mt., lungo la Riviera del fiume Brenta, luogo di paesaggi ameni, un tempo meta di villeggiatura per dogi, aristocratici e ricchi mercanti della Serenissima Repubblica di Venezia, celeberrima per la presenza delle storiche ville venete palladiane, edificate dalle nobili famiglie veneziane e ricca di testimonianze storiche, artistiche di immenso valore culturale.

Leggi il seguito di questo post »

L’elettrodotto che già passa a poche centinaia di metri dalla Ferrero

Quello che vedete nella foto è l’elettrodotto da 380.000 volts che già passa a poche centinaia di metri dalla Ferrero. Perché realizzare allora un altro elettrodotto da 150.000 volts per smaltire l’energia elettrica prodotta dalla centrale a biomasse realizzata di recente dalla Ferrero ? Una centrale che può bruciare olio combustibile, quindi una centrale termica (e non solo biomasse) di 17 megawatts.

Perché il Comune di Sant’Angelo dei Lombardi e la Regione Campania, che hanno autorizzato la centrale a biomasse, non si sono opposti alla nuova devastazione che si prospetta per il nostro paesaggio ? E’ gradita una risposta.

APPELLO ai proprietari dei suoli : NON FIRMATE alcun accordo bonario con Terna. Il risarcimento spetterà per la perdita di valore dei terreni coltivati e delle abitazioni e non solo per il terreno su cui cade il traliccio. Quanto vale adesso la vostra casa ?  Quanto varrà dopo che ci passerà sopra o a lato l’elettrodotto ?  Riuscirete più a venderla o ad abitarci serenamente ?

E’ questo l’indennizzo che bisogna far valere e non i pochi spiccioli che vi stanno proponendo in questi giorni.  NON FIRMATE !

ARTICOLI CORRELATI, clicca QUI 

INTERVISTA ED APPELLO SU PRIMATIVVU’, servizio di Enzo Di Micc0 _ CLICCA qui

http://www.primativvu.com/ArticoloShow.aspx?ID_NEWS=10418

 

 

Written by A_ve

4 giugno 2013 at 08:22

L’ ELETTRODOTTO VISTO dall’area Uffici e Scuole (Sant’Angelo dei Lombardi)

Elettrodotto Sant Angelo dei Lombardi _ vista da area Uffici e Scuole _ PRIMA

Elettrodotto Sant Angelo dei Lombardi _ vista da area Uffici e Scuole _ PRIMA

Elettrodotto Sant Angelo dei Lombardi _ vista da area Uffici e Scuole _ DOPO _ simulazione fotografica

Elettrodotto Sant Angelo dei Lombardi _ vista da area Uffici e Scuole _ DOPO _ simulazione fotografica

Written by A_ve

1 giugno 2013 at 09:55

L’ ELETTRODOTTO VISTO dal Castello degli Imperiale (Sant’Angelo dei Lombardi)

Elettrodotto Sant Angelo dei Lombardi _ vista dal Castello degli Imperiale _ PRIMA

Elettrodotto Sant Angelo dei Lombardi _ vista dal Castello degli Imperiale _ PRIMA

 

 

 

 

 

 

Elettrodotto Sant Angelo dei Lombardi _ vista dal Castello degli Imperiale _ DOPO _ simulazione fotografica

Elettrodotto Sant Angelo dei Lombardi _ vista dal Castello degli Imperiale _ DOPO _ simulazione fotografica

 

 

 

 

 

 

05 Elettrodotto Sant Angelo _ vista dal Castello degli Imperiale _ DOPO _ simulazione fotografica _ dettaglio cin Cattedrale

05 Elettrodotto Sant Angelo _ vista dal Castello degli Imperiale _ DOPO _ simulazione fotografica _ dettaglio cin Cattedrale

 

Written by A_ve

1 giugno 2013 at 09:52

Elettrodotto Terna : attentato all’ambiente

Written by A_ve

31 maggio 2013 at 13:48

ATTENTATO al nostro PAESAGGIO

elettrodotto

Molti abitanti delle contrade Puoio, San Guglielmo e Barricella (S.Angelo dei Lombardi) hanno trovato in questi giorni, nei loro campi coltivati, alcuni picchetti rossi. Sono i posizionamenti dei tralicci del grande elettrodotto a servizio della centrale a biomasse costruita dalla Ferrero in prossimità dello stabilimento in località Porrara. Sulla scorta dell’interesse generale per pubblica utilità non sono stati nemmeno notificati gli espropri a domicilio. L’impatto visuale previsto è devastante in quanto l’elettrodotto passa sul crinale più alto che separa i territori comunali di Sant’Angelo e Lioni per poi dirigersi a Teora e poi fino alla sottostazione di Castelnuovo di Conza.  Tralicci e fili saranno visibili quindi da ogni paese. Vengono così deprezzate le proprietà di chi ci abita e si prospetta di certo un forte inquinamento elettromagnetico sui campi e sulle abitazioni. La questione non riguarda solo S.Angelo ma anche Lioni e Teora; sarà visibile anche da Nusco, Morra, S.Andrea Pescopagano, Andretta e Cairano.  Il nostro territorio è sempre più in svendita e i Comuni non hanno mezzi sufficienti per opporsi ai grandi appetiti economici. Basti dire che stanno per realizzare i piloni e finora nessuno ne ha parlato. Siamo in ritardo, bisogna formare al più presto un comitato civico intercomunale e battersi contro lo scempio che vi assicuriamo è molto ampio e devastante. Da un lato si parla tanto di agricoltura, benessere e turismo, dall’altro si autorizzano discariche, inceneritori, eolico, pozzi petroliferi ed elettrodotti. Lanciamo un appello: tutte le persone di buona volontà, le amministrazioni comunali presenti e future, gli esperti, i comitati civici esistenti in Irpinia dovrebbero assicurare ai cittadini unitarietà di vedute ed il massimo impegno per fermare l’elettrodotto. Chiediamo l’interramento della linea in modo da salvaguardare il paesaggio e l’ambiente: si fa in altre nazioni del nord-europa, si faccia anche in Italia. Abbiamo già chiesto anche un incontro con chi trarrebbe vantaggio dall”elettrodotto ; non vorremmo che presto in Italia, alla buona immagine dei prodotti alimentari si associasse il mostruoso scempio del paesaggio altirpino.  

nelle foto, alcuni tratti attraversati dall’elettrodotto Terna 

Alta Irpinia paesaggio foto angelo verderosa

alta irpinia foto angelo verderosa dic 2012

ELETTRODOTTO : assemblea a Bisaccia

Cari lettori di Piccoli Paesi alleghiamo il volantino dell’assemblea pubblica a Bisaccia per la questione dell’elettrodotto invitandovi ad intervenire; alleghiamo anche la pagina facebook http://www.facebook.com/profile.php?id=100003749446838&ref=ts _ AIUTATECI A TUTELARE LA BELLEZZA DEL NOSTRO PAESAGGIO E LA SALUTE DI NOI ABITANTI.

Written by A_ve

11 maggio 2012 at 15:52

Pubblicato su Petizioni

Tagged with , , , , ,

cicogne nere, nidi a rischio _ NO al nuovo elettrodotto Goleto-Castelnuovo di Conza

Written by A_ve

14 agosto 2011 at 07:39

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: