piccoli paesi

terre, paesaggi, piccoli paesi / il blog dei borghi dell'Appennino

Posts Tagged ‘libro

CAIRANO relazioni felicitanti

7 Scrittori X Cairano relazioni felicitanti _ una presentazione di Dario Bavaro

Cairano è un paese tra cielo e terra dove mettono radici le nuvole, dove è possibile  fare delle leggere e belle conversazioni. Cairano è un paese dove il corpo prende aria e respiro, dove trovi lo spazio e il vento per parole felicitanti che arrivano inattese come un dono. Abbiamo invitato 7 scrittori Emilia Bersabea Cirillo, Gabriella Ferrantino, Enrico Finzi , Vincenzo Fiore,Claudia Iandolo, Luciana Palumbo ed Emanuela Sica,  per raccogliere queste parole felici e metterle in circolo per esplorare il tema delle relazioni felicitanti in una terra di confini come Cairano. Franco Dragone ci ha donato una prefazione al libro che è una gemma, un dono d’amore per la sua terra; Luigi D’Angelis un saluto accogliente ed innamorato degli orizzonti di Cairano; Generoso Picone la presentazione, che al momento non ho ancora letto, ma posso dichiarare di conoscerne lo spirito di condivisione perché  vissuto con gratitudine e affetto. Tralasciando l’introduzione, vi invito ad acquistare il libro per leggere, vedere, mangiare. Generoso Picone, infatti, ha accolto sul quotidiano «il Mattino» di Avellino tutti i racconti ogni domenica a partire dal 15 giugno 2014. Fortunato Iannaccone della casa editrice La Mephite ha accetto immediatamente l’invito a pubblicarli in un volume, corredato delle magnifiche foto di Antonio Bergamino. Tra le tante visioni che suscita Cairano ne ricordo qualcuna “un meteorite, una balena, il profilo di una carezza, terra di confini,deserto abitato, il nido dell’uccello giardiniere, c’è l’aria e non serve più niente, il luogo del tempo, disabitati del giorno, un organetto lungo quanto il dorso del cavallo, gente di orizzonte, un luogo dove il cielo non ci è sopra ma ci attraversa, radici delle nuvole, il volo della balena,la saggezza della lumaca”… Dopo la fiducia e l’amore dimostrato da tutti questi amici visionari, invitiamo tutti i lettori a regalarci altre visioni, altre parole felicitanti. Contadini di parole, di silenzi, di gesti, di sorrisi, di condivisione, di intrecci e relazioni incontriamoci a Cairano dal 3 al 10 agosto a piacere. Il 7 agosto nell’ambito della rassegna La bella estate sarà presentato il risultano di questo primo viaggio, il libro edito dalla Mephite Cairano relazioni felicitanti: sarà bello esserci.

Written by A_ve

3 agosto 2014 at 07:46

Goleto 1968, un contributo di Sergio Brancaccio

Invio una recensione sul mio libro, pervenutami dal prof. Sergio Brancaccio, docente di Archittettura presso l’Università degli Studi di Napoli “Parthenope” e responsabile Lion per il Meridione del recupero dei beni culturali e ambientali. Dora Garofalo.

Goleto-Sergio Brancaccio.doc

Written by A_ve

5 Mag 2014 at 13:01

GOLETO BENE COMUNE

2014 03 16 la domenica del corriereGoleto, bene comune. Presentazione del libro ‘Goleto 1968’.

QUESTO POST contiene l’articolo di Antonio Vespasiano pubblicato sul Corriere dell’Irpinia di domenica 16 marzo 2014 + FOTO + RASSEGNA STAMPA.

“Goleto bene comune”. Se uno slogan può sintetizzare un appuntamento culturale consumato nel pomeriggio primaverile di un sabato di marzo, Gianni Festa l’ha azzeccato in pieno. Sono state proprio queste parole del fondatore del Corriere dell’Irpinia a dare una traccia di lavoro al convegno di presentazione del volume “Goleto 1968” di Dora Garofalo, edito da Delta 3, in una sala affollatissima. Un volume che raccoglie gli studi sull’antica Abbazia del Goleto, fatti dall’autrice in occasione della sua tesi di laurea discussa proprio quando cominciavano a diffondersi le idee della profonda trasformazione sociale che prese l’avvio proprio nel 1968.

Leggi il seguito di questo post »

sabato 15 marzo al Goleto

ARTICOLO CORRELATO / leggi QUI la Prefazione al libro.

 

La produzione vitivinicola di qualità in Campania.

Presentazione del mio libro a Taurasi Enoreca region16 ago 2013 002Una sociologa irpina di origine sannita alle prese con il mondo del vino. Può sembrare un controsenso ma, alla fine, ecco venire fuori un prodotto di tutto rispetto. Un libro (“La produzione vitivinicola di qualità in Campania. Protagonisti e territorio”) che è uno spaccato completo di un settore così importante e strategico per il territorio campano. *

Luciana Palumbo, al suo primo lavoro editoriale, per la casa editrice Mephite, propone, dunque, un libro interessante per chi volesse approfondire il mondo della viticultura in Campania e le vicende dei suoi protagonisti. Analizzando lo sviluppo del settore vitivinicolo campano, reso possibile grazie al consolidamento ed alla diffusione di iniziative imprenditoriali che hanno saputo coniugare i saperi tradizionali con le conoscenze e le tecniche della moderna enologia, l’autrice punta alla focalizzazione delle realtà maggiormente orientate alla qualità.

Sociologia e imprenditoria del settore vitivinicolo: uno strano connubio. Come mai ha deciso di scrivere un libro sul vino?

Se si premette, ad esempio, che il campo di interesse della Sociologia spazia dall’analisi dei brevi contatti fra individui anonimi, allo studio dei processi sociali locali e globali, che nel percorso universitario ho studiato Sociologia dell’organizzazione aziendale e produttiva, che la Sociologia cerca di comprendere il perché della realtà presente a partire dalla conoscenza dello sviluppo storico di tale realtà, allora il connubio con i contenuti del mio libro diventa speciale. Ho avuto modo di osservare direttamente le sequenze che riguardano la produzione vitivinicola: dallo scasso dei terreni, sempre necessario, prima dell’impianto di un nuovo vigneto, alla sistemazione delle barbatelle, alla presa in considerazione dell’ambiente di accoglimento della vite (salubrità dei terreni), all’accompagnamento sempre costante e attento del vitigno fino alla raccolta delle uve.

La vendemmia, il trasporto in cantina, e conseguente trasformazione; la cantina è assai severa, irrimediabilmente abbandona il cantiniere se questi non si adopera nei modi e nei tempi giusti. E poi, l’altra parte del mondo vitivinicolo, la commercializzazione, che ho conosciuto attraverso i maggiori rappresentanti.

Ho afferrato tanto dal compianto Lucio Mastroberardino (Terredora).  “Lucio era una persona di vero pregio. Elegante, sobria, generosa, attenta, cordiale. Mio padre lo apprezzava parecchio sia come persona sia come ‘commerciante’”. Tuttavia la fascinazione per l’universo vitivinicolo viene prima ancora. Ho avuto il piacere di avvicinare l’impegno di chi professionalmente si occupa di marketing aziendale nel settore in questione, e di essere avvicinata dall’abbondanza discorsiva a proposito di note imprese radicate sul suolo nazionale.

Leggi il seguito di questo post »

nove quarti di luna a Castelfranci

L’Associazione Libero Pensiero Irpino Giordano Bruno, l’Archivio Storico CGIL di Avellino, le Ceramiche d’arte Terra Leonum con il patrocinio del Comune di Bagnoli Irpino presentano il libro “Nove quarti di luna”, diario di un viaggio in Equador, di Agostino Arciuolo. L’appuntamento è per Venerdì 30 novembre 2012, alle ore 18.00, presso la sede dell’Associazione L.P.I. Giordano Bruno a Castelfranci (Av).

Ecclesia Mater Angelensis

“Ecclesia Mater Angelensis”, è questo il titolo dell’ultimo lavoro di Michele Vespasiano, il quale prosegue nell’impegno di indagare le vicende storiche della sua cittadina, aiutando «ad aprire un futuro al passato».

Il volume sarà presentato giovedì 24 maggio, alle ore 17:00, nella Sala multimediale della Curia Arcivescovile di Sant’Angelo dei Lombardi, alla presenza del Parroco della cattedrale, D. Piero Fulchini, del sindaco di Sant’Angelo, Michele Forte, e delle autorità civili, religiose e militari del territorio.

Leggi il seguito di questo post »

Written by A_ve

23 Mag 2012 at 19:59

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: